ordine esecutivo 11110 Unius REI

Re dell'Arabia Saudita Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud -- tu che pensi del mio progetto? Preparati a lasciare la Sharia con le buone o con le cattive!
estrema destra ucraina invita la NATO a rompere i rapporti con la Russia. I nazionalisti ucraini invitano la NATO a rompere la cooperazione militare con la Russia. La corrispondente proposta è stata presentata oggi alla Verchovna Rada (il Parlamento ucraino). Gli autori del disegno di legge sono i deputato del partito di estrema destra Svoboda. Questo documento presuppone che i Paesi della NATO diano assistenza tecnico-militare e umanitaria all'Ucraina. Lo scorso giugno il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko aveva vietato ogni forma di cooperazione tecnico-militare con la Russia. Bruxelles pronta ad interrompere i finanziamenti dei progetti in Russia. I Paesi dell'Unione Europea stanno valutando la cancellazione del finanziamento dei progetti in Russia da parte della Banca europea per gli investimenti (BEI) e della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) in un eventuale nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia. La Russia è il maggiore beneficiario dei fondi BERS l'istituto di credito lo scorso anno per i progetti russi aveva stanziato 25 miliardi di dollari. La BEI aveva concesso prestiti a Mosca nel 2013 per 14 miliardi di dollari. Alla vigilia del presidente del Consiglio d'Europa Herman Van Rompuy aveva affermato che l'Europa non aveva ancora deciso se inasprire le sanzioni contro la Russia ma minaccia nuovi provvedimenti restrittivi se non verranno soddisfatte le misure indicate venerdì scorso per la de-escalation in Ucraina.
Merkel Hollande e Putin discutono della situazione in Ucraina. si riempio la bocca con la parola PACE che per loro significa arrenditi e mettiti sotto i miei piedi e poi vanno a bombardare le case! ]] Putin proteggere i giovani dal "virus del nazionalismo". La necessità della Russia è lavorare sistematicamente con la popolazione per proteggere la gioventù dal "virus del nazionalismo e dell'intolleranza". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin intervenendo ad una riunione del Consiglio per le Relazioni Internazionali.
Ha definito tempestiva l'iniziativa dei legislatori per contrastare la rinascita dell'ideologia nazista e la glorificazione dei criminali nazisti. Secondo Putin in alcuni Paesi i partiti e movimenti neonazisti stanno riacquistando peso politico. L'intolleranza etnica e religiosa e l'incitamento alla violenza diventano slogan per le forze che cercano di prendere il potere.
Ha richiamato l'attenzione sulla necessità di rafforzare tra i giovanila prevenzione dall'estremismo.

http://cdn.ruvr.ru/2014/07/03/1506678400/9RIAN_02456719.HR.jpg
Sebastopoli consegna quasi una tonnellata di medicinali a Slavyansk.
Gli attivisti della città russa di Sebastopoli hanno consegnato a Slavyansk città della regione ucraina di Donetsk 800 chili di aiuti umanitari soprattutto medicinali ha riferito un attivista della ONG "Autodifesa di Sebastopoli."
Il 1° luglio il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko aveva annunciato la fine della tregua nella parte orientale del Paese. Subito dopo le forze di sicurezza hanno iniziato pesanti bombardamenti con l'artiglieria sulle città di Slavyansk e Kramatorsk hanno colpito i villaggi di Semenovka e Nikolaevka e la città Yampol del distretto di Krasnolimansk. I militari ucraini usano i lanciarazzi "Uragan" e "Grad" i mortai e i cannoni dei carri armati. Ci sono numerose vittime e feriti tra la gente del posto.
Binyamin Netanyahu -- ovviamente soltanto un Re di Palestina e di Israele potrebbe essere credibile per i Palestinesi! ecco perché Voi dovete diventare con me; UNIUS REI una Monarchia! noi otterremo un ampliamento del nostro territorio per la riunificazione delle 12 tribù di Israele senza violenza!

Ministers Demand 'Whatever Needed to Destroy Hamas' [ tutta la LEGA ARABA è un solo Hamas perché loro hanno una sola sharia in comune! SOLTANTO LA DEPORTAZIONE DI TUTTI I PALESTINESI PUò ESSERE UNA SOLUZIONE! MA IO SONO L'UNICA PERSONA AL MONDO CHE PUò CONVINCERE I PALESTINESI CIRCA IL FUTURO MIGLIORE IL LORO BENE MIGLIORE! solo con me loro non subirebbero una violenza in questo momentaneo trasferimento! ] [ In Sderot Lapid says 'no sane country would tolerate this' Danon leaves option of ground invasion on the table. By Yoni Kempinski Ari Yashar. 7/3/2014 Deputy Defense Minister Danny Danon and Finance Minister Yair Lapid visited Sderot on Thursday shortly after a Kassam rocket fired by terrorists in Gaza hit a summer day camp moments before children were set to arrive. The building was the second to be directly hit in Sderot since Wednesday night as the rocket barrage from the Hamas enclave continues to escalate. An Arutz Sheva correspondent was on hand at Sderot to film Danon and Lapid's calls from the heavily-hit southern town. Lapid noted that he had just been at the home of Naftali Frenkel (16) who along with Eyal Yifrah (19) and Gilad Sha'ar (16) was abducted and murdered by Hamas terrorists on June 12. Connecting the incidents Lapid indicated the Sderot wreckage saying "this is a house in which five children live in and which was bombarded by Hamas missiles during the night." "Any sane country will not tolerate a situation in which their kids are being killed on a daily basis" remarked Lapid threatening the terrorist organization Hamas with a firm response. For his part Danon called on the government to "do whatever is necessary to protect Israel even if it means that the children will be in shelters for the next two months the people of Sderot are ready to do it" in order to achieve long term stability. When asked about the possibility of an IDF ground operation in Gaza Danon repeated that Israel must "do whatever is necessary...from the air from the sea from the ground whatever is necessary." "Do whatever it takes to destroy the Hamas organization" emphasized Danon.
The statements comes as Israel carried out a troop deployment of reserve officers at the "headquarter not field level" near the Gaza border on Thursday and as rockets from the Hamas enclave continue to fall in a recent escalation of attacks.
Sderot has been particularly hard-hit by the recent Gaza rocket escalation; on Thursday a rocket hit open area right next to the Sderot industrial area causing no injuries. Sderot's industrial area took a harsh blow on Saturday night when a direct hit was recorded on a plastics factory burning it completely to the ground. ] [ I ministri Demand 'Qualunque cosa necessaria per distruggere Hamas'
In Sderot Lapid dice 'nessun paese sano di mente avrebbe tollerato questo' Danon lascia possibilità di un'invasione di terra sul tavolo.
Per Yoni Kempinski Ari Yashar. 2014/07/03 vice ministro della Difesa Danny Danon e Ministro delle Finanze Yair Lapid ha visitato Sderot il Giovedi poco dopo un razzo Qassam sparato dai terroristi a Gaza ha colpito momenti un campo giorno d'estate prima che i bambini sono stati fissati per arrivare. L'edificio è stato il secondo ad essere direttamente colpiti a Sderot da Mercoledì sera come lo sbarramento razzi dall'enclave di Hamas continua a crescere. Un corrispondente Arutz Sheva era in mano a Sderot per filmare Danon e Lapid di chiamate dalla città meridionale pesantemente colpita. Lapid ha notato che era appena stato a casa di Naftali Frenkel (16) che insieme a Eyal Yifrah (19) e Gilad Sha'ar (16) è stato rapito e ucciso dai terroristi di Hamas il 12 giugno.
Collegare gli incidenti Lapid ha indicato il relitto Sderot dicendo "questa è una casa in cui cinque bambini vivono in e che fu bombardata dai missili di Hamas durante la notte." "Qualsiasi paese sano non tollera una situazione in cui i loro bambini vengono uccisi ogni giorno" ha sottolineato Lapid minacciando l'organizzazione terroristica di Hamas con una risposta ferma.
Da parte sua Danon ha chiesto al governo di "fare tutto ciò che è necessario per proteggere Israele anche se questo significa che i bambini saranno in rifugi per i prossimi due mesi gli abitanti di Sderot sono pronti a farlo" al fine di raggiungere a lungo stabilità a lungo termine. Quando è stato chiesto circa la possibilità di una operazione di terra dell'IDF a Gaza Danon ha ribadito che Israele deve "fare tutto ciò che è necessario ... dall'aria dal mare da terra tutto ciò che è necessario." "Fate quello che serve per distruggere l'organizzazione di Hamas" ha sottolineato Danon.
Le dichiarazioni si presenta come Israele ha effettuato un dispiegamento di truppe di ufficiali di riserva presso la "sede non a livello di campo" vicino al confine con Gaza il Giovedi e come razzi dall'enclave di Hamas continuano a cadere in una recente escalation di attacchi. Sderot è stata particolarmente duramente colpito dalla recente escalation di Gaza razzo; il Giovedi un razzo ha colpito un'area aperta vicino alla zona industriale di Sderot senza causare feriti.
Zona industriale di Sderot ha preso un duro colpo nella notte di Sabato quando un colpo diretto è stato registrato in una fabbrica di materie plastiche bruciando completamente al suolo.

OBAMA -- è molto volgare che qualcuno continui a fare delle illazioni contro la mia onestà! QUESTO VIDEO "Uniusrei3 descritto by amministratore youtube flv ] IL MIO COMPUTER NON SAPEVA con quale programma lui lo doveva aprire così dopo diversi tentativi io ci ho aggiunto questo [.flv] /watch?v=VY3dGBeZyD0 IN REALTà questo IhateNewLayout è un hacker CIA molto specializzato! lui riempie di filtri i miei siti ecc.. lui è stato incaricato dal NWO di dedicarsi a me! io ero sicuro di avere cancellato il video "The Economist" che mi è costato la chiusura di mio canale MrUniusREI poi delle documenti che io non avrei mai cancellato? io le ho trovate nel cestino ecc..
Open Letter to OBAMA GENDER -- this video "Uniusrei3 descritto by amministratore youtube flv" ] è stato modificato nel mio computer ecco perché non è stato disponibile sui miei canali per il suo caricamento da molto tempo! Esso è stato modificato dai tuoi 666 NSA CIA! [ lui è IhatenewLayout un sacerdote di satana che insieme 187AudioHostem (ex Direttore Generale iraniano di youtube) hanno dimostrato di sapere tutto circa tutti i sensi del mio corpo circa cose che soltanto io potevo sapere! e ha detto che lui amava il mio cip!
Il tuo video è stato pubblicato all'indirizzo http://youtu.be/VY3dGBeZyD
Dio mi ha messo in youtube e tu credi a me "per me stare qui non è per niente divertente!"
Obama - mais que sorte de monde vous allez partir et à tes filles et vos petits-enfants? Bush 322 666 et Rothschild pharisiens vous l'ont dit que «les étrangers ne pourront jamais vous prendre et vos filles?" et puis vous les avez cru? mais comme notre technologie pourrait voir filaments neuronaux d'un cinquantième de millimètre dans le nerf optique et dans le cerveau? et aussi si nous avions cette technologie qui vous avez dit que les médecins des satanistes ils seraient honnête avec vous? Je néglige mes enfants pour protéger vos filles! écoutez-moi vous faire une faveur et à tes filles et à toute l'humanité "suicidé" mais malheureusement c'est votre vérité si vous n'étiez pas un lâche? alors vous n'auriez jamais devenir le président des États-Unis!

Obama - pero que clase de mundo vas a salir y en sus hijas y sus nietos? Bush 322 666 y Rothschild fariseos que han dicho que "los extraterrestres nunca te llevará y tus hijas?" y entonces usted los ha creído? pero como nuestra tecnología podría ver filamentos neuronales cincuentava parte de un milímetro en el nervio óptico y en el cerebro? y también si tuviéramos esta tecnología que se dijo que los médicos de los satanistas que sería honesto con usted? Estoy descuidando mis hijos para proteger a sus hijas! escúchame hacerte un favor y a sus hijas y a toda la humanidad "se suicidó" pero por desgracia esta es tu verdad si no fueras un cobarde? entonces nunca se habría convertido en el Presidente de los Estados Unidos!
Obama -- ma che genere di mondo tu stai per lasciare alle tue figlie ed ai tuoi nipoti? Bush 322 e Rothschild farisei 666 ti hanno detto che "gli alieni non prenderanno mai te e le tue figlie?" e poi tu hai creduto a loro? ma quale nostra tecnologia potrebbe vedere filamenti neuronali di un cinquantesimo di millimetro nel nervo ottico e nel cervello? ed anche se ci fosse questa tecnologia chi ti dice che i medici dei satanisti sarebbero stati onesti con te? Io sto trascurando i miei figli per proteggere le tue figlie! ascolta me fai un favore alle tue figlie e a tutto il genere umano "suicidati!" ma purtroppo questa è la tua verità se tu non eri un codardo? poi tu non saresti mai diventato il Presidente degli Stati Uniti!
Abd Allah king Saudi Arabia - premesso che Dio non ha una sua religione! tu stai combattendo con la tua merda nazista contro verità che tu non sei stato degno di poter comprendere!
IDIOTA TU STAI COMBATTENDO CONTRO DIO!
quale demonio dio può dare a te la certezza del paradiso se tu sei un nazista che non ha la libertà di religione per fare del male a persone innocenti fare del male ai veri ministri di Dio che sono mandati da te da Dio? questo è evidente a tutti tu sei il demonio che tu speri di avere ogni bene da una guerra mondiale per essere il complice dei satanisti americani! no io non sono cinico come te che ti diverti a vedere soffrire le persone! .. e tutte le tue motivazioni? sono merda! tu pagherai per tutto questo e la sorte di un cane? sarà più felice della tua! Ma se tu mi vuoi aiutare a fare da educatore al genere umano poi tu potresti essere perdonato!
Aristotelezz SAID "Islam is a 'religion' that strives for world dominance. It couldn't wish for better henchmen than our western leaders who deny anything that is bad about Islam. And as good as anything is bad about Islam. A few weeks ago our Dutch minister of security said on TV that Jihad is not an element of Islam. Let the fool go and tell that in Iraq to ISIS-guys. And let him take the imam of this program with him they have a lot of work to do! https://www.youtube.com/watch?v=N-YA--i9oak
L'Islam è una 'religione' che lotta per il dominio del mondo. Non poteva desiderare scagnozzi meglio dei nostri leader occidentali che negano tutto ciò che è male sull'Islam. E buono come nulla è male sull'Islam. Poche settimane fa il nostro ministro olandese della sicurezza ha detto in tv che la Jihad non è un elemento dell'Islam. Lasciate che il buffone vada a dire a quella in Iraq per ISIS-ragazzi. E fargli prendere l'imam di questo programma con lui hanno un sacco di lavoro da fare!
/watch?v=N-YA--i9oak
Indian priest kidnapped in Afghanistan. Published June 04 2014 by Anto Akkara
Suspect arrested; motive unknown. The school in Sohadat about 30 kilmoetres from Herat city Afghanistan that the Jesuit Refugee Service had helped to build. Rev. Alexis Prem Kumar was visiting the school when he was abducted June 2.The school in Sohadat about 30 kilmoetres from Herat city Afghanistan that the Jesuit Refugee Service had helped to build. Rev. Alexis Prem Kumar was visiting the school when he was abducted June 2. Jesuit Refugee Service
An Indian Catholic priest has been kidnapped in Afghanistan and no information about his location or condition is available. There are reports however that authorities have arrested a suspect. Rev. Alexis Prem Kumar 47 was abducted by gunmen June 2 at a school built and run by the Jesuit Refugee Service at Sohadat village in Afghanistan's western Herat province according to the Jesuit Refugee Service. Kumar has been director of the service since 2012.
Rev. Alexis Prem Kumar in an undated photo.Rev. Alexis Prem Kumar in an undated photo.
"On Monday afternoon its country director Alexis Prem Kumar SJ was abducted by a group of unidentified men in western Afghanistan" read a press statement issued June 3 by a Jesuit Refugee Service spokesman. The title "SJ" stands for Society of Jesus a Catholic order whose members are more commonly known as Jesuits.
A suspect has been arrested in connection with the kidnapping according to independent but government-licensed Khaama Press news service which cited the provincial security chief Gen. Samiullah Qatra. He said the suspect whose name was not provided is being held for questioning according to Khaama Press.
"We are deeply shocked by Prem's abduction" said the Jesuit Refugee Service international director Rev. Peter Balleis. "We are in contact with all the relevant authorities and doing everything possible to ensure his safe and speedy return. Meanwhile our prayers are with Prem and his family and friends at this difficult time."
"Kidnappings of foreigners are common throughout the country. We only know that he was kidnapped by armed men. They could be Taliban factions or common criminals."
-- Bishop Giuseppe Moretti Catholic Superior of Afghanistan
Rev. Stan Fernandes South Asia regional director for the Refugee Service in a June 3 press release provided details of the kidnapping:
"Kumar was abducted by a group of unidentified men as he was about to leave Sohadat village after visiting the school that had been set up by the JRS for returnee children primarily from Iran. The group of unidentified kidnappers surrounded the school campus about 12:45 p.m. fired shots in the air caught hold of Kumar and drove off with him in a car. No group has yet claimed responsibility for the abduction" the press release said.
Syed Akbaruddin a spokesman for India's Foreign Ministry confirmed the abduction. "An Indian national working with an NGO in Herat province of Afghanistan has been kidnapped. Our Mission is pursuing the matter with local authorities" Akbaruddin said.
The Catholic Bishops' Conference of India issued a brief statement June 4 seeking the "urgent intervention" of newly elected Indian Prime Minister Narendra Modi.
Kumar originally form India's southern state of Tamil Nadu was director of the Jesuit Refugee Service in India from 2005 to May 2011. He took an assignment with the service in Afghanistan in July 2011 and has been head of its Afghanistan operations since 2012.
Since 2008 the Service in Afghanistan has been accompanying returnees home from exile in Iran and Pakistan and providing education and healthcare services in Bamiyan Kabul and Herat provinces. It served more than 6000 people in 2013 according to the Jesuit Refugee Service press release. According to reports India is engaged in several development projects in Afghanistan from roadbuilding to construction of the Afghan Parliament building in Kabul. At the same time Indian targets in Afghanistan have come under repeated attacks. On May 23 four men carrying rocket-propelled grenades were killed in an attack on the Indian Consulate in Herat which was partially damaged. In August 2013 an assault on the Indian Consulate in the eastern city of Jalalabad killed at least nine people and in in 2008 suicide bombers attacked the Indian embassy in Kabul killing about 50 people and injuring dozens.
There have been several other deadly attacks on Indian civilians engaged in road construction work. Rev. Edward Muduvassery Jesuit Provincial for South Asia said it's unknown whether Monday's kidnapping of Kumar is connected to the pattern of anti-Indian violence. "We have no clue so far regarding the kidnappers or their motive" Muduvassery said. The Jesuit Refugee Service he said has been working in Afghanistan mostly in education for nine years. Four Jesuits are posted there.
"Kidnappings of foreigners are common throughout the country" said Bishop Giuseppe Moretti the Catholic Superior of Afghanistan to the Vatican's missionary news agency Fides. "We only know that he was kidnapped by armed men. They could be Taliban factions or common criminals."
While an ecumenical Indian Christian email group called 'Synod' has called for prayers for the safety of the kidnapped priest top church officials have urged the government to take urgent steps to ensure his safety and release.
India's national media initially played down the incident as the kidnapping of an Indian charity worker. After reports in Pakistan's media alleged the kidnapped priest is an "Indian spy" however the Indian news media has turned up the volume of its coverage with news channels describing it as a challenge to the Indian government.
Akbaruddin India's Foreign-Ministry spokesman denied the spy allegation. He described the kidnapped priest as "an ordinary Indian eking out a living."
Sashi Taroor a former India federal minister and former UN undersecretary general described Afghanistan 'as a very difficult place' given the series of attacks on Indian targets.

Homs priest killed by assassins. Published April 07 2014. Dutchman refused to leave tiny beleaguered Christian enclave. Rev. Frans van der Lugt in an undated photo.
Courtesy of Aid to the Church in Need. Frans van der Lugt a Jesuit priest who refused to leave the embattled city of Homs Syria in solidarity with the few Christians still living there was killed by assassins Monday in his garden. Known among the people as Abouna Francis the native Dutchman had worked in Syria for more than 40 years. He was 75. "Father Frans was apparently killed by targeted headshots. We have received a phone report from a Christian who was with him in the Old City" reported Aid to the Church in Need a Catholic agency in an April 7 statement that cited another Jesuit in Syria Rev. Ziad Hillal. Independent news accounts reported that van der Lugt was forcibly removed from his house and pulled into his garden where he was shot twice through the head. The son of a banker Van der Lugt arrived in the Middle East in 1966 first living in Lebanon and moving to Homs in the early 1970s. As is common in the Jesuit order he was a teacher with an emphasis in working with special-needs students. As the Syrian civil war approached Homs the priest resolved to stay with the dwindling Christian community that remained. Tens of thousands of Christians across the country targeted by rebels who consider them allies of the regime of President Bashar al-Assad have fled their homes during the way many to other locations in Syria and others to neighboring Lebanon or Turkey. Video by Dutch public broadcaster Nederlandse Omroep Stichting on the death of Rev. Frans van der Lugt
Once home to an estimated 60000 Christians fewer than 30 remain in the Old City sector of Homs an ancient town that was a rebel stronghold in the early days of the three-year-old Syrian uprising. The government has regained control of much of the city while rebels retain a hold on the Old City. During a February interview with Dutch radio van der Lugt explained his reasons for staying in the besieged Old City sector.
"When I leave nothing will be left of this building" he said. "And I don't want to leave alone the 28 Christians that have remained." During the interview the priest described the Old City as almost completely destroyed and the people as constantly hungry. A recent food delivery by the UN he said "isn't enough at all for the about 2000 people left." "They brought pans and cloths the people didn't need. We need rice food that didn't come in sufficiently. There is a huge lack of food. At our breakfast we eat olives and drink tea. In the afternoon we make soup with what grows between the stones on the street." "In the evening" he said "we just see what we can get." Even in his advanced age van der Lugt got around the war-pocked city on his bicycle tending to the elderly and disabled and trying like everyone else to obtain enough food for the day. It was a constant struggle. On Jan. 27 a short video was posted on You Tube in which van der Lugt sitting before a darkened altar speaks directly into the camera about the desperate situation in Homs. "One of our biggest problems is hunger" he said. "There is nothing to eat." Rev. Hillal quoted by Aid to the Church in Need called van der Lugt "a ray of joy and hope to all those trapped in the Old City of Homs waiting for yet another UN permission to evacuate." "God have mercy on us who could not save him from sniper fire."

News by satanic criminal Country all friends of Obama Gender for kill ISRAEL ]
Afghanistan Algeria Argentina Azerbaijan Bangladesh Bhutan Bolivia Brunei Darussalam Burma Cameroon Central African RepUblic China Colombia Cuba Eastern Europe And Eurasia Egypt Eritrea Ethiopia Guinea Honduras India Indonesia International Iran Iraq Israel Jordan Kazakhstan Kenya Kenya (north-east) Laos Lebanon Libya Malaysia Maldives Mali Mauritania Mexico Middle East
Morocco Nepal Niger Nigeria Nigeria (north) North Korea North-korea Other Other Africa Other Asia Other Latin America Other Middle East Pakistan Palestinian Territories Peru Philippines Russian Federation Saudi Arabia Senegal Somalia South Korea South Sudan Sri Lanka Sudan Sudan (north) Sudan (south) Syria Tajikistan Tanzania Tunisia Turkey Turkmenistan Uganda Ukraine Uzbekistan Vietnam Yemen



ordine esecutivo 11110 Unius REI

Homs priest killed by assassins. Published April 07 2014. Dutchman refused to leave tiny beleaguered Christian enclave. Rev. Frans van der Lugt in an undated photo.
Courtesy of Aid to the Church in Need. Frans van der Lugt a Jesuit priest who refused to leave the embattled city of Homs Syria in solidarity with the few Christians still living there was killed by assassins Monday in his garden. Known among the people as Abouna Francis the native Dutchman had worked in Syria for more than 40 years. He was 75. "Father Frans was apparently killed by targeted headshots. We have received a phone report from a Christian who was with him in the Old City" reported Aid to the Church in Need a Catholic agency in an April 7 statement that cited another Jesuit in Syria Rev. Ziad Hillal. Independent news accounts reported that van der Lugt was forcibly removed from his house and pulled into his garden where he was shot twice through the head. The son of a banker Van der Lugt arrived in the Middle East in 1966 first living in Lebanon and moving to Homs in the early 1970s. As is common in the Jesuit order he was a teacher with an emphasis in working with special-needs students. As the Syrian civil war approached Homs the priest resolved to stay with the dwindling Christian community that remained. Tens of thousands of Christians across the country targeted by rebels who consider them allies of the regime of President Bashar al-Assad have fled their homes during the way many to other locations in Syria and others to neighboring Lebanon or Turkey. Video by Dutch public broadcaster Nederlandse Omroep Stichting on the death of Rev. Frans van der Lugt
Once home to an estimated 60000 Christians fewer than 30 remain in the Old City sector of Homs an ancient town that was a rebel stronghold in the early days of the three-year-old Syrian uprising. The government has regained control of much of the city while rebels retain a hold on the Old City. During a February interview with Dutch radio van der Lugt explained his reasons for staying in the besieged Old City sector.
"When I leave nothing will be left of this building" he said. "And I don't want to leave alone the 28 Christians that have remained." During the interview the priest described the Old City as almost completely destroyed and the people as constantly hungry. A recent food delivery by the UN he said "isn't enough at all for the about 2000 people left." "They brought pans and cloths the people didn't need. We need rice food that didn't come in sufficiently. There is a huge lack of food. At our breakfast we eat olives and drink tea. In the afternoon we make soup with what grows between the stones on the street." "In the evening" he said "we just see what we can get." Even in his advanced age van der Lugt got around the war-pocked city on his bicycle tending to the elderly and disabled and trying like everyone else to obtain enough food for the day. It was a constant struggle. On Jan. 27 a short video was posted on You Tube in which van der Lugt sitting before a darkened altar speaks directly into the camera about the desperate situation in Homs. "One of our biggest problems is hunger" he said. "There is nothing to eat." Rev. Hillal quoted by Aid to the Church in Need called van der Lugt "a ray of joy and hope to all those trapped in the Old City of Homs waiting for yet another UN permission to evacuate." "God have mercy on us who could not save him from sniper fire."
ordine esecutivo 11110 Unius REI
Abd Allah kinf Saudi Arabia -- quale demonio dio può dare a te la certezza del paradiso se tu sei un nazista che non ha la libertà di religione per fare del male a persone innocenti fare del male ai veri ministri di Dio che sono mandati da te da Dio? questo è evidente a tutti tu sei il demonio che tu speri di avere ogni bene da una guerra mondiale per essere il complice dei satanisti americani!
Obama cannibale Gender mi dispiace che io ti sto rovinando tutte le bugie che tu avresti potuto scrivere dopo la tua terza guerra mondiale imperialismo Rothschild! tu non le potrai aggiungere alle bugie della teoria della evoluzione insieme a tutte le bugie che tu hai fatto scrivere nei libri di storia circa gli ultimi 300 anni perché Albert Pike laVey è tuo padre! tu hai eliminato tutti i simboli cristiani dai luoghi pubblici (che come in Italia sono un patrimonio della laicità e della identità) e tu hai mandato le streghe a fare il loro insegnamento nelle scuole! ecco perché gli omicidi negli USA sono diventati seriali come una catena di montaggio! Voi non siete più un paese civile perché voi avete rinnegato le radici ebraico-cristiane voi siete gli adoratori di JaBullOn Baal il tuo gufo al Bohemian Grove! fino a qual punto così in profondità è potuto entrare in te lo sperma di satana Rothschild 322 Bush? in che modo voi del sistema massonico Zapatero Troika Merkel in che modo voi avete potuto annientare politicamente tutti i cristiani in Occidente? non c'è un solo punto dall'economico al politico dallo spirituale all'ideale che io riesco a stare in comunione con te! come tu sei diventato un satanista?

Obama cannibale Gender mi dispiace che io ti sto rovinando tutte le bugie che tu avresti potuto scrivere dopo la tua terza guerra mondiale imperialismo Rothschild! tu non le potrai aggiungere alle bugie della teoria della evoluzione insieme a tutte le bugie che tu hai fatto scrivere nei libri di storia circa gli ultimi 300 anni perché Albert Pike laVey è tuo padre!

Obama cannibale Gender tu hai eliminato tutti i simboli cristiani dai luoghi pubblici (che come in Italia sono un patrimonio della laicità e della identità) e tu hai mandato le streghe a fare il loro insegnamento nelle scuole! ecco perché gli omicidi negli USA sono diventati seriali come una catena di montaggio! Voi non siete più un paese civile perché voi avete rinnegato le radici ebraico-cristiane voi siete gli adoratori di JaBullOn Baal il tuo gufo al Bohemian Grove!

Obama cannibale Gender fino a qual punto così in profondità è potuto entrare in te lo sperma di satana Rothschild 322 Bush?
Obama cannibale Gender in che modo voi del sistema massonico Zapatero Troika Merkel in che modo voi avete potuto annientare politicamente tutti i cristiani in Occidente?
ordine esecutivo 11110 Unius REI
OBAMA -- non c'è un solo punto dall'economico al politico dallo spirituale all'ideale che io riesco a stare in comunione con te! come tu sei diventato un satanista?] [ #Siria L'esercito fa saltare in area tunnel d 25 metri scavato da terroristi in quartiere Jbeleh a #DeirEzzor neutralizzando decine di loro. 30 giugno
#Siria Restanti residenti in città #Raqq festeggiano con i terroristi non-Syriani la creazione del nuova Califfato Islamico dell'#ISIS.
http://youtu.be/NjQNkfn1dEc Siria Restanti residenti a Raqq e i terroristi non-Siriani festeggiano il Califfato Islamico
مركز الرقة الإعلامي تابعونا على https://www.facebook.com/r.m.c.alraqa تابعونا على twitter.com/rmcraqqa تابعونا على youtube.com/user/rmcalraqqa تابعونا على y #Iraq Tv Officiale Esercito iracheno neutralizza a Kirkuk capo terroristi #ISIS Il ceceno Abu Baker Al-Shishani. TG 24 Siria
30 giugno. #Siria Unità dell'esercito ritrovino tre autobombe di cui due con targhe lebanesi deposito di armi e strumenti medici e un ospedale da campo nella Valle di Aein Al-Hasin nelle pianure di Qalamoun sul confine siriano-libanese TG 24 Siria
30 giugnoModificato
The Independent Robert Fisk si fa beffe della doppiezza di Obama riguardo i terroristi in #Siria e in #Iraq I combattenti in Siria non sono moderati e sono gli stessi terroristi in Iraq che gli Stati Uniti continuano a sostenere per anni in Siria. Ultim'ora #ISIL annuncia la nascita dello Stato del Califfato Islamico nominando Abu Baker Al-Baghdadi primo califfo dell'Islam dopo aver abolito il cosiddetto "Stato Islamico nell'Iraq e nel Levante". #Siria Esercito prende di mira sede #ISIS più importante in località Ma'dan a #Raqqa elimina gran numero di loro distrugge deposito d'armi #Siria Dopo Kassab operazione qualitativa dell'esercito riporta sicurezza e stabilità al monte strategico Zgharo sobborgo nord #Lattakia . TG 24 Siria ha condiviso la foto di TG 24 Siria.
28 giugno. #Onu Al-Jaafari Rapporto Amos sulla situazione umanitaria in #Siria è scandaloso e fuori contesto
#Onu Al-Jaafari Rapporto Amos sulla situazione umanitaria in #Siria è scandaloso e fuori contesto
Il rappresentante permanente della Siria presso le nazioni unite Dr. Bashar al-Jaafari ha criticato la dichiarazione del sottosegretario generale per gli affari umanitari e il coordinatore dei soccorsi d'emergenza delle Nazioni Unite Valerie Amos descrivendola come "fuori contesto".
Al-Jaafari ha parlato nel corso della sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite un 'per discutere l'attuazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza no.2139 sulla consegna degli aiuti umanitari in Siria.
Al-Jaafari si è scagliato in particolare contro l'uso del termine "opposizione armata" nel report per fare riferimento alle organizzazioni che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite aveva già designato come gruppi terroristici descrivendolo come scandaloso.
Prima del discorso del Dr. al-Jaafari il sottosegretario generale per gli affari umanitari aveva presentato una relazione in cui ha detto "gruppi di opposizione armata" hanno mirato recentemente in modo crescente l'infrastrutture e distrutto strutture di servizio di interesse pubblico in Siria oltre ad una seria di attacchi contro i civili.
Al-Jaafari ha detto che il rapporto è pieno di "errori e lacune pericolose in modo scandaloso".
Egli ha rimesso in discussione le reali intenzioni risiedono dietro l'uso di tale termine che ha affermato non era "uno slittamento involontario della lingua o della penna" come la portavoce ufficiale del Segretario generale delle Nazioni Unite ha utilizzato nonostante "Le numerose lettere ufficiali che abbiamo indirizzate al Segretariato delle Nazioni Unite. "Al-Jaafari ha esortato Amos a "chiamare le cose con il proprio nome" mettendo in discussione i veri motivi per cui la sua relazione si fermava a corto di chiamare questi gruppi con i loro veri nomi. Il Rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite ha espresso sconcerto al "gonfiato ed esagerato" numero di bisognosi in Siria rispetto alle relazioni precedenti dicendo che il loro numero è saltato improvvisamente secondo il rapporto a diventare 108 milioni in aumento di un milioni e mezzo dalle relazioni precedenti.
Al-Jafari ha indicato che la Siria ha fatto sapere al coordinatore residente delle attività delle Nazioni Unite in Siria circa la sua insoddisfazione per il modo in cui alti funzionari delle Nazioni Unite hanno inventato figure "astronomiche surreali e non verificati" per la situazione umanitaria in Siria che solleva dubbi sulle intenzioni reali dietro di esso.
Al-Jaafari ha respinto anche nel rapporto il fatto di toccare la questione delle elezioni presidenziali in Siria. "Coloro che hanno preparato la relazione hanno superato il loro mandato umanitario parlando di voto presidenziale che non ha nulla a che fare con la delibera n. 2139."
Il Rappresentante della Siria alle Nazioni Unite ha biasimato come un paradosso lampante il fallimento della relazione di includere delle informazioni verificate sulla presenza di combattenti non-siriani e le loro attività terroristiche in Siria nonostante le centinaia di lettere che il governo siriano ha inviato al Segretario Generale delle Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per non parlare di molti rapporti occidentali e le dichiarazioni a questo riguardo.
Il rapporto inoltre ignora la causa principale dietro il peggioramento della situazione umanitaria in Siria che è al-Jaafari ha detto la nascita e le crescenti attività terroristiche nel paese.
"I gruppi terroristici hanno preso di mira aree civili sfollati e residenti distrutto infrastrutture e danneggiato istituzioni di servizio statali" ha detto citando la necessità di affrontare il terrorismo come causa principale della crisi umanitaria in alcuni punti caldi della Siria. Invece di mettere in discussione la presenza di terroristi stranieri e l'abilità del governo siriano ad affrontare delle difficoltà nel soddisfare i bisogni umanitari al-Jaafari ha detto che la relazione avrebbe dovuto chiaramente nominare i paesi sostenitori del terrorismo tra cui Israele Qatar Turchia e Arabia Saudita.
Il fatto che la relazione non è stata capace di menzionare che alcuni paesi avevano imposto misure unilaterali illegali contro il popolo siriano è ancora un altro paradosso che ha continuato esposta la doppiezza dei funzionari di qualche segretariato delle Nazioni Unite.
Al-Jaafari ha detto che alcuni paesi che fingono di preoccuparsi per il popolo siriano hanno scelto di pompare grandi quantità di denaro per finanziare e armare e facilitare l'ingresso di terroristi in Siria ha detto avrebbero dovuto essere spesi per finanziare il cash- 2014 "piano di risposta umanitaria concernente".
Egli ha evidenziato gli sforzi del governo siriano in quanto è responsabile per la maggior parte degli aiuti umanitari distribuiti in Siria il 75 per cento del totale aiuti umanitari distribuiti finora. Rappresentante permanente della Siria alle Nazioni Unite ha detto che il governo siriano ha facilitato l'accesso delle organizzazioni delle Nazioni Unite ad alcune zone difficili da raggiungere vale a dire Aleppo Idleb e la campagna di Damasco un approccio che il governo siriano è impegnato a perseguire per alleviare la crisi umanitaria del popolo siriano.
Al-Jaafari ha accolto con favore il ruolo positivo delle Nazioni Unite nel fornire assistenza umanitaria in Siria. "Ma" ha aggiunto "noi respingiamo decisamente di usare l'ONU per regolamenti di conti con alcuni stati."
Egli ha concluso sottolineando che il governo siriano è pienamente impegnato ai suoi doveri e responsabilità per alleviare il peso della crisi umanitaria del popolo siriano e non risparmierà alcun sforzo per tale scopo fino alla fine a condizione che questi sforzi non violino le leggi e la sovranità della Siria.
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
Baghdadi agli jihadisti "conquisterete Roma e il mondo intero". 02 LUG 2014. (AGI) - Roma 2 lug. - Abu Bakr al Baghdadi non si ferma alla Siria e all'Iraq ma punta a Roma in un audiomessaggio il 'califfo' dello Stato islamico sprona i musulmani "se avrete fiducia conquisterete Roma e il mondo intero se Allah vuole". Baghdadi esorta i "soldati dello Stato islamico" a "prendere le armi" e "combattere" ricordando che "il modo migliore di versare il sangue e' sulla strada per liberare i musulmani imprigionati". "La comunita' islamica (ummah) guarda il vostro jihad con gli occhi della speranza e voi avete fratelli ovunque nel mondo a cui sono inflitte ogni forma di tortura il cui onore e' violato il cui sangue e' versato". Nell'audio messaggio al-Baghdadi ricorda che "i prigionieri gridano dal dolore orfani e vedove si lamentano le donne che hanno perso i loro bambini versano lacrime". "I luoghi sacri dell'Islam sono violati - aggiunge - i diritti dei musulmani sono usurpati con la forza in Cina India Palestina Somalia Penisola arabica Caucaso Siria Egitto Iraq Indonesia Afghanistan Filippine Iran (da parte dello sciismo) Pakistan Tunisia Libia Algeria e Marocco nell'est e nell'ovest". Ed esorta "cosi' innalzate le vostre ambizioni o soldati i vostri fratelli ovunque nel mondo stanno aspettando che voi li salviate".
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
TG 24 Siria Barack Obama finanzia il "terrorismo moderato" - Spondasud
spondasud.it (Raimondo Schiavone) – Nell'era di Barack Obama nasce il "Terrorismo moderato". Oramai mancava solo quest'ultima palese contraddizione per consentirci di dare un giudizio chiaro. 1 luglio. #Siria Barack Obama finanzia il "terrorismo moderato" http://t.co/PI8x7qU5gq Raimondo Schiavone) – Nell'era di Barack Obama nasce il "Terrorismo moderato". Oramai mancava solo quest'ultima palese contraddizione per consentirci di dare un giudizio chiaro e definitivo sul primo Presidente nero degli Stati Uniti d'America. L'idea di Obama di finanziare i ribelli moderati in fuga dalla Siria posizionati al confine con il nuovo Califfato islamico dell'Iraq e del Levante governato dall'ISIL è la cartina di tornasole dell'immensa contraddizione circa la reale volontà americana di combattere il terrorismo integralista islamico. Distinguere fra sanguinari più o meno moderati operanti in Medio Oriente è una tale aberrazione che fa riflettere sui metodi usati nel passato dagli Stati Uniti per combattere il terrorismo nei vari interventi militari che hanno caratterizzato l'ultimo ventennio. Si spiega in questo modo la politica americana altalenante in Afghanistan nei confronti dei Talebani e quella in Iraq tesa nella prima fase a foraggiare il dittatore Saddam Hussein e poi ad abbatterlo. Ma in questa logica si spiegano anche numerose azioni militari di alcune fazioni terroristiche nel Mali ed in Libia dove gli americani hanno giocato con la vita di centina di migliaia di civili come se il dominio sul mondo si esercitasse davvero attraverso una fantomatica ma anche gigantesca partita di "risiko" dove la spregiudicatezza è l'arma vincente. Unica distinzione fra Obama e i suoi predecessori è la capacità di dichiarare con estrema leggerezza le proprie "porcherie" riuscendo a giustificarle e sostenerle con il credito accumulato alla sua elezione quando è riuscito ad abbindolare il mondo intero con la sua storia da principe azzurro e la sua maschera da Presidente democratico e nero. Un'eredità che gli consente appunto di poter chiedere al Senato americano e di giustificare davanti all'opinione pubblica internazionale una spesa straordinaria finalizzata ad armare dei terroristi con il palese disegno di lanciarli contro altri terroristi. Non curante dell'effetto che tutto ciò può provocare nell'area al confine fra Siria e Iraq già martoriata da una guerra che in questi ultimi tre anni ha fatto migliaia di morti. Dimenticando o facendo finta di farlo che quei terroristi che i giorni scorsi hanno messo a ferro e fuoco il nord dell'Iraq trucidando civili e militari sono stati armati ed addestrati in questi anni da forze occidentali attraverso i denari dei Principi del Golfo per combattere contro la Siria di Bashar Al Assad. Mentre Obama continua la sua terribile partita a "risiko" nello scacchiere mediorientale quel manipolo di guerriglieri armati ed assetati di sangue continua la sua avanzata in Iraq politicamente incoraggiati proprio da quel Paese che della battaglia al terrorismo islamico integralista aveva fatto una vera e propria "guerra santa" dopo quel fatidico 11 settembre. Se non fosse per l'interposizione delle milizie governative irachene sostenute dai civili sciiti arrivati in soccorso dell'esercito e dell'aiuto offerto al Governo di Nuri al- Maliki dal Presidente russo Putin i terroristi dell'ISIL oggi marcerebbero liberamente su Bagdad. Mentre i russi hanno inviato al Governo legittimo Iracheno aerei da combattimento Sukhoi per opporsi all'avanzata dei jihadisti sanguinari il Presidente Obama ha inviato in Medio Oriente i suoi emissari e in particolare il Segretario di Stato John Kerry per delegittimare l'attuale Governo già debole del Presidente eletto in Iraq. Un atto sconsiderato in un momento nel quale la logica politica avrebbe suggerito un sostegno a quel Governo solo pochi anni fa lasciato solo a rigenerare un Paese distrutto dagli stessi americani dopo la débâcle della guerra al dittatore Saddam Hussein. Un comportamento quello americano teso esclusivamente a continuare a legittimare lo strapotere delle monarchie Sunnite del Golfo a discapito di un possibile dialogo con la Repubblica Islamica dell'Iran mantenendo ed enfatizzando divisioni del passato attuando con scientificità il detto romano "Divid et imperat". La storia quella vera ci regalerà molte sorprese sulla vera maschera di Barack Obama su cosa è veramente stato. Ma nel frattempo le orde jihadiste insanguinano la Mesopotamia come se si girasse un remake di un vecchio film che ricorda le invasioni ottomane del XIV e XV secolo. Raimondo Schiavone (1966). Giornalista. Laurea in giurisprudenza è segretario generale del Centro Italo Arabo Assadakah. Vice presidente della Camera di Commercio Italo Araba. Esperto in progetti di cooperazione allo sviluppo e relazioni internazionali con i Paesi della Sponda Sud del Mediterraneo. E' coautore di numerosi volumi ha curato i saggi Syria quello che i media non dicono (Arkadia) e Middle East. Le politiche nel mediterraneo sullo sfondo della guerra in Siria (Arkadia).

ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
TG 24 Siria. 1 luglio. Russia consegna all'UNSC progetto di risoluzione impedisce il commercio illegale di petrolio con terroristi in #Siria.
* Mosca SANA - La Russia ha presentato una bozza di dichiarazione presidenziale al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in cui ha chiesto di impedire l'acquisto illegale del petrolio dai terroristi in Siria. Il progetto ha inoltre sottolineato che qualsiasi esportazione o importazione di greggio senza l'approvazione dello Stato sovrano viola la legge internazionale esprimendo preoccupazioni per l'aumento del numero di giacimenti di petrolio caduti in mano ai gruppi terroristici in Siria tra questi gruppi sono lo "Stato islamico in Iraq e Siria ( #ISIS)" e "Jabeht al-Nusra".
Il progetto di dichiarazione presidenziale rinuncia a qualsiasi coinvolgimento palese o dissimulato in queste attività aggiungendo che il coinvolgimento in tali azioni è come fornire sostegno finanziario ai gruppi che sono stati classificati terroristi dal comitato speciale del Consiglio di sicurezza dell'ONU.
Il progetto richiede l'approvazione di tutti i 15 membri per diventare una dichiarazione presidenziale. In precedenza il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite Vitaly Churkin ha detto che i ricavi del commercio di petrolio illegale di solito vanno ai gruppi terroristici nella regione.

ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
PARATA MERCENARI ISIS PRIMA DELLA CURA DEL SAAF. VIDEO DELLA PARATA DEI MERCENARI JIHADISTI DELL'ISIS-ISIL CON MISSILI E ARMI AMERICANE BOMBARDATE IERI NEI DEPOSITI DEI TERRORISTI DALL'AVIAZIONE SIRIANA. l'abbiamo detto e ridetto chiaramente "BOMBARDATE IERI NEI DEPOSITI DEI TERRORISTI" "contro i depositi delle armi americane appena arrivate a Raqqa". URGENTE. #Raqqa #SAAF. Una seconda ondata di attacchi della SAAF sta avvenendo prorpio in questo momento. Si parla di almeno 3 incursioni in diverse localita'
Non ci sono ulteriori dettagli. #Raqqa #ISIS #SAAF. 6 incursioni della SAAF contro i depositi delle armi americane appena arrivate a Raqqa e portati in parata ieri nella citta' occupata dall'ISIS. Le armi facevano parte del bottino del neo califfato in #Iraq
Gli attacchi sono avvenuti in successione rapidissima e da diverse direzioni contemporaneamente. Un bombardamento con 2 missili pesantissimi terra-terra hanno dato il via all'operazione. Sono stati centrati i centri C&C esplorati ieri con finte e sorvoli per preparare le contro misure elettroniche. Testimonianze parlano di operazioni spettacolari dove i Mig e i Sukhoi s'incrociavano come in uno show di pattuglia acrobatica. Enormi colonne di fumo dai depositi colpiti si vedono tutt'ora


ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
TG 24 Siria [ TUTTE LE NOTIZIE SOFFOCATE DAI MEDIA OCCIDENTALI! ]
18 alleluia CRISTIANI IRACHENI E SUNNITI PATRIOTI CURDI DIFENDONO EROICAMENTE IL VILLAGGIO DI BARTALA (Irak) Bartala (20 km. da Mosul Irak) villaggio di 30.000 anime interamente cristiano pronto a difendersi sino alla morte.
In questo villaggio si é rifugiata anche la popolazione sfollata da Mosul con parenti e famiglie tutti costretti a fuggire a piedi attraverso il deserto per mancanza di auto (rubate o distrutte) o di carburante. La cittadina si è organizzata autonomamente per l'auto-difesa grazie anche ad un reparto misto di cristiani locali e Peshmerga volontari Kurdi di religione sunnita non fanatici e favorevoli a un Kurdistan indipendente.
Si tratta di circa 80-100 uomini armati i quali hanno creato una milizia locale con qualche Kalashnikov alcuni lanciagranate e bazooka ma con tanta buona volontá e un mare di coraggio il coraggio dei giusti che difendono le proprie case i propri luoghi di culto e tradizioni la propria terra. Organizzati in squadre miste uomini e donne cristiani e musulmani hanno creato posti di blocco agli ingressi della cittadina e altrettanti capisaldi nelle quattro chiese esistenti. Ovviamente di questa gente e di questi luoghi cristiani minacciati da mercenari jihadisti con armi americane ai media occidentali non interessa nulla mica si tratta di giovani ebraici studenti di Talmud.. Ricordiamo che dal 2007 ci sono ben circa 2500 militari italiani appostati in Libano a difesa dei confini Israeliani... come se la colonia sionista in Palestina non sapesse difendersi da sola... Basterebbe dislocare solo poche decine di pará per dare manforte e sostegno morale e tecnico alla popolazione cristiana irachena minacciata d'estinzione da parte dei cannibali di Obama... Giá... dimenticavamo... la colonia Italia corre solo dove il padrone in salsa kosher chiama ed i suoi menestrelli pennivendoli spendono fiumi d'inchiostro solo per vittime 'elette'. http://www.syrianfreepress.net/ http://syrianfreepress.wordpress.com/?p=34806
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
1 luglio Putin pronti a difendere i nostri interessi ma preferiamo il dialogo. Martedì il Presidente della Russia ha visitato il Ministero degli Esteri in Piazza Smolenskaya a Mosca per assistere alla tradizionale riunione degli ambasciatori e dei rappresentanti permanenti della Russia. Nel corso della riunione Putin ha parlato dei principali obiettivi della diplomazia russa. Questi obiettivi rimangono invariati la Russia continua ad adoperarsi per il consolidamento della pace e il mantenimento della stabilità e della sicurezza su scala globale e regionale. Tuttavia negli ultimi tempi il perseguimento di questi scopi diventa sempre più difficile ha rilevato Vladimir Putin. Sulla mappa del mondo sta crescendo il numero delle regioni dove la situazione è cronicamente instabile. Un deficit di sicurezza affligge l'Europa il Vicino e Medio Oriente l'Asia meridionale la regione Asia-Pacifico l'Africa. Si manifestano squilibri sistemici dell'economia del sistema finanziario e del commercio internazionale. Continua il processo di erosione dei valori tradizionali morali e spirituali. Difficilmente si può dubitare del fatto che il modello del mondo unipolare è fallito. I popoli e gli Stati in maniera sempre più risoluta dichiarano di voler decidere da soli la propria sorte di voler salvaguardare la loro civiltà e la loro identità culturale ma ciò va contro il tentativo di taluni Paesi di continuare a dominare la sfera militare la politica le finanze l'economia e l'ideologia. La Russia si pronuncia a favore della supremazia del diritto con il ruolo guida dell'ONU. Il diritto internazionale deve essere obbligatorio per tutti e non deve essere applicato in maniera selettiva per l'imposizione degli interessi di alcuni Stati o gruppi di Stati privilegiati. La cosa più importante è che questo diritto deve essere interpretato in maniera univoca. "Non è possibile interpretarlo oggi in un modo e domani in un altro per compiacere le congiunture politiche del momento" - ha dichiarato Vladmir Putin. Secondo il Presidente la situazione in Ucraina è una conseguenza di questa politica irresponsabile.
Dobbiamo renderci conto con chiarezza che gli eventi in Ucraina provocati dall'esterno sono un'espressione concentrata della famigerata politica di contenimento che affonda le sue radici nel passato lontano. Questa politica purtroppo non è stata terminata neanche dopo la fine della guerra fredda. In Ucraina era sorto un pericolo per i nostri connazionali russi e di altre nazionalità la loro lingua storia cultura e i loro legittimi diritti garantiti tra l'altro dalle convenzioni europee. Sto parlando delle persone che si identificano con il cosiddetto "mondo russo". Visto il modo in cui si è sviluppata la situazione in Ucraina che tipo di reazione si aspettavano da noi i nostri partner? Certo non potevamo lasciare gli abitanti della Crimea e di Sebastopoli soli di fronte ai soprusi e l'aggressività dei nazionalisti radicali. Non potevamo permettere che venisse seriamente limitato il nostro accesso al mar Nero che sulla terra di Crimea a Sebastopoli terra della gloria dei soldati e dei marinai russi sbarcassero (e penso che sarebbe stato abbastanza presto) le truppe della NATO e che venisse modificato in maniera radicale il rapporto di forze nell'area del mar Nero. Cioè in sostanza permettere che venisse cancellato tutto quello per cui la Russia aveva lottato sin dai tempi di Pietro I (e forse anche dai tempi più lontani). Voglio che tutti capiscano che anche in futuro il nostro paese difenderà energicamente i diritti dei russi nostri connazionali all'estero usando per questo tutto l'arsenale dei mezzi a nostra disposizione da quelli politici ed economici alle operazioni umanitarie e al diritto all'autodifesa che sono previsti dal diritto internazionale. Tengo a precisare quanto accaduto in Ucraina è il culmine delle tendenze negative della politica internazionale. Queste tendenze si stavano moltiplicando da anni e noi avevamo avvertito tutti. Purtroppo le nostre previsioni si stanno avverando. Dietro i discorsi sulla libertà di scelta e sul futuro europeo del Paese si nascondono i tentativi di trasformare l'Ucraina in un territorio controllato con tutte le relative conseguenze politiche economiche e sociali. "Mi duole del fatto che milioni di persone semplici debbano pagare per questi giochi politici"- ha sottolineato il leader russo. In questa situazione l'Europa deve provvedere a una "rete di salvataggio" per evitare il ripetersi di tragedie simili a quelle ucraina irachena siriana o libanese. Il Presidente ha rilevato che persino nei paesi dell'Europa occidentale e orientale dove la situazione è abbastanza buona non mancano contrasti latenti di natura etnica e sociale. Secondo Putin queste divergenze potrebbero dar luogo a conflitti alla propagazione dell'estremismo ed essere strumentalizzate da giocatori esterni per far vacillare la situazione politica e sociale e operare un cambio di potere illegittimo e non democratico. Vladimir Putin ha esortato l'Occidente ad usare nell'arena internazionale nuove regole di gioco più giuste e basate sulla parità. Il Presidente è convinto che il modello basato sul doppio standard non sia efficiente neanche nei rapporti con la Russia. Mosca è pronta a lavorare in varie sedi internazionali ma soltanto se si terrà conto dei suoi interessi il ruolo di un osservatore esterno ha rilevato Putin non fa per Mosca. Negli ultimi vent'anni i nostri partner ci hanno parlato delle loro buone intenzioni dicendo che erano pronti a sviluppare insieme la cooperazione strategica. Al tempo stesso però hanno allargato la NATO hanno spostato lo spazio politico-militare da loro controllato sempre più vicino alle nostre frontiere. Quando noi giustamente chiedevamo se non era il caso di discutere dei problemi ci dicevano no la cosa non vi riguarda. Coloro che continuano a parlare della loro esclusività non gradiscono la politica indipendente della Russia. L'hanno confermato gli eventi in Ucraina come hanno confermato che il modello pieno di doppi standard dei rapporti con la Russia non funziona. Ciò nonostante spero che alla fine possa vincere il pragmatismo. Occorre sbarazzarsi delle ambizioni della voglia di costruire una caserma mondiale di mettere tutti in riga di imporre le proprie regole di vita e di comportamento della società. Bisogna finalmente iniziare a costruire i rapporti sulla base della parità del rispetto reciproco e della reciprocità degli interessi. È ora di riconoscere il diritto reciproco ad essere diversi e il diritto di ogni Paese a costruire la propria vita secondo le proprie idee e non sulla base delle istruzioni dettate con insistenza da qualcuno. Lo sviluppo del mondo non può essere unificato ha detto il Presidente russo ma possiamo e dobbiamo cercare dei punti di convergenza vedere nell'altro non solo un concorrente ma anche un partner sviluppare la cooperazione tra i vari Stati e le loro associazioni e strutture integrative.
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
2 luglio 2014 Esperti occidentali la Russia deve tener duro. Per la Russia l'unica cosa giusta è continuare a sostenere con fermezza la propria posizione e far valere i suoi principi nei rapporti con l'Occidente sul quale ricade la colpa dello spargimento di sangue in Ucraina. È così che si può riassumere i commenti fatti da analisti occidentali dopo il discorso pronunciato da Vladimir Putin durante la riunione degli ambasciatori e dei rappresentanti permanenti della Federazione Russa convocata dal Ministero degli Esteri. Il tema centrale dell'intervento di Putin è stato determinato dalla situazione degli ultimi tempi. L'attenzione dei diplomatici è attirata oggi sull'Ucraina dove come si è saputo s'incrociano gli interessi della maggioranza delle potenze mondiali. Il Presidente ha rilevato che dietro i discorsi sulla libertà di scelta e sul futuro europeo si nascondono i tentativi di fare dell'Ucraina un territorio controllato con tutte le conseguenze che ne derivano. Secondo Vladimir Putin anche l'Europa in questo gioco non è un soggetto autonomo c'è chi la sta usando per conseguire dei propri interessi. In questa situazione Mosca non deve pensare troppo a quello che dirà l'Occidente crede l'osservatore politico serbo Miodrag Zarkovic.
Spesso noi dimentichiamo che in sostanza viviamo in tempi di guerra. Non sempre è una guerra armata. Talvolta viene condotta con mezzi economici altre volte con mezzi politici ma il più delle volte con tutti e due. A mio giudizio sarebbe un errore dare troppa importanza a quello che l'Occidente pensa della Russia. Quindi sarebbe un errore anche corteggiare l'Europa Occidentale e gli USA e pensare che sia possibile fargli cambiare idea. Penso che l'unico modo per difendersi sia assumere una posizione ferma di principio e tener duro senza compromessi.
È del tutto ovvio che in Ucraina non esiste neanche una parvenza della lotta per i valori democratici continua l'esperto. Gli ideali per i quali i manifestanti del Maidan avevano lottato durante l'inverno scorso sono spariti senza traccia nessuno di essi è stato implementato. Nei confronti dell'Occidente che ha fatto scatenare la guerra in Ucraina ci vuole una linea dura. Rivolgendosi ai diplomatici il Presidente Putin ha osservato che né Kiev né Washington non vogliono che il mondo sappia la verità su quanto sta accadendo nel centro dell'Europa. Non si fermano di fronte a niente e hanno persino scatenato una vera caccia ai giornalisti russi e di altri Paesi. In genere secondo Putin la situazione in Ucraina è un'espressione concentrata dalla ben nota politica di "contenimento" della Russia. Con il leader russo concorda pienamente il direttore del Centro analitico britannico Bruges Group; Robert Oulds.
Far sapere la verità sull'Ucraina non conviene in primo luogo alla NATO. L'Occidente ha sponsorizzato il Maidan ha promesso agli ucraini un'area di libero scambio ma dell'integrazione con l'Europa non è stata detta neanche una parola I media occidentali ovviamente non ne parlano. È la stessa politica che è stata più volte testata in altri territori. All'America non piace la voce della Russia indipendente che si sente nel mondo vuole isolare Mosca metterla con le spalle al muro.
Intanto la tensione in Ucraina sta crescendo. Kiev ha ignorato la proposta della Russia di dislocare nei posti di blocco in territorio russo dei rappresentanti dell'Ucraina e dell'OSCE sebbene questa proposta fosse stata appoggiata dai ministri degli Esteri di Germania e Francia. Anzi il Presidente Poroshenko ha deciso di non prorogare il cessate il fuoco nel Sud-Est del Paese. Con questo ha rilevato Putin per la prima volta si è assunto la responsabilità non solo militare ma anche politica. Questo scenario non è assolutamente nell'interesse dell'Europa anche se l'Europa come tutto dimostra si rifiuta di riconoscerlo fa osservare il politologo Peter Schulze dell'Università di Gottinga in Germania. L'operazione contro il Sud-Est dell'Ucraina che Kiev sta svolgendo su ampia scala non può essere nell'interesse di Germania Francia o Polonia. I dirigenti della Russia si sono trovati in una situazione molto pericolosa. Spinta da Washington l'UE sta presentando alla Russia un ultimatum premere su ribelli ma Mosca non può accettare questa condizione. A questo punto è logico chiedere a chi giova chi sta conducendo questo gioco?Le iniziative di Mosca sono state ignorate l'armistizio non è stato prorogato... Sono tutte azioni dirette contro la Russia.
Mosca ne è perfettamente consapevole. Putin crede che l'Europa abbia bisogno di un nuovo sistema di sicurezza. Secondo il Presidente in Europa è necessario escludere la minima possibilità di rivolte anticostituzionali e di ingerenza negli affari interni degli Stati sovrani. L'Europa ha bisogno di una "rete di salvataggio" per evitare che i precedenti di Iraq Libia Siria e Ucraina si trasformino in una malattia contagiosa.
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
se IL SISTEMA BANCARIO RUSSO GARANTISSE PER QUESTA MONETA VIRTUALE ESSA AVREBBE UN ENORME SUCCESSO PERCHé LO SANNO TUTTI CHE DEL FMI SPA ROTHSCHILD ORMAI NON CI SI PUò PIù FIDARE! ]
Danneggiata frontiera russa dopo bombardamento nel territorio ucraino. La frontiera russa "Novoshakhtinsk" è rimasta danneggiata a seguito di un bombardamento sul territorio dell'Ucraina ha dichiarato Vasily Malayev un rappresentante delle guardie di confine della Russia nella regione di Rostov. "A seguito di un attacco al valico di frontiera contiguo a quello russo "Novoshakhtinsk" sono esplosi alcuni razzi" - ha detto Malayev.
Ha aggiunto che sono stati subiti danni all'edificio della frontiera russa mentre nessun doganiere è rimasto ferito.
L'ambasciatore dell'Italia in Russia prevede ritorno della Russia al G8. L'ambasciatore italiano in Russia Cesare Maria Ragaglini non esclude la ripresa della partecipazione della Russia al G8. Secondo il diplomatico italiano è fondamentale il contributo di Mosca nelle questioni più importanti di politica internazionale come la Siria e l'Iran.
Allo stesso tempo ha riferito che la ripresa del G8 con la Russia è una decisione da prendere insieme con gli altri partner del G7.
http://italian.ruvr.ru/news/2014_07_03/Lambasciatore-dellItalia-in-Russia-prevede-ritorno-della-Russia-al-G8-0593/
se IL SISTEMA BANCARIO RUSSO GARANTISSE PER QUESTA MONETA VIRTUALE ESSA AVREBBE UN ENORME SUCCESSO PERCHé LO SANNO TUTTI CHE DEL FMI SPA ROTHSCHILD ORMAI NON CI SI PUò PIù FIDARE!
La Banca Centrale russa studierà le valute virtuali. Le monete web potrebbero finire sotto il controllo legislativo in Russia. Lo ha dichiarato il vice presidente della Banca Centrale della Russia Georgy Luntovsky al Congresso bancario internazionale.
Secondo lui la Banca Centrale ed il governo stanno studiando il fenomeno delle valute virtuali. Luntovsky ha ammesso che non possono essere vietate. "Forse sono il futuro" - crede. Tuttavia ha avvertito che "subito le novità vengono sfruttate dalla criminalità."
In precedenza la Banca Centrale aveva consigliato ai russi di non usare questo tipo di valuta in particolare i Bitcoin.
ordine esecutivo 11110 Unius REI
2 alleluia
http://cdn.ruvr.ru/2014/07/02/1505881571/9RIAN_02454505.HR.ru.jpg
Dall'inizio dell'operazione speciale nel Donbass 160 vittime tra i civili. Secondo i dati preliminari 160 civili sono rimasti uccisi durante i raid in Ucraina orientale. Lo ha riferito il vice capo dell'amministrazione regionale di Donetsk Elena Petryaeva
Totalmente hanno perso la vita 279 persone tra cui 262 uomini 13 donne e 4 bambini. Risultano disperse 93 persone. I militari caduti sono 26. Secondo la Petryaeva si tratta di vittime per cui è stata fatta l'autopsia dal medico legale.
Per quanto riguarda le perdite dei militari della Guardia Nazionale del ministero dell'Interno della SBU (servizi segreti ucraini) e delle guardie di frontiera si occupano di tenere aggiornati i dati gli uomini delle forze di sicurezza.
Mercoledì scorso il comando delle forze di sicurezza di Kiev aveva riferito che dall'inizio dell'operazione speciale erano rimasti uccisi esattamente 200 uomini mentre oltre 600 erano rimasti feriti.
Gli Stati Uniti introducono sanzioni contro deputato della Duma. Le autorità statunitensi hanno imposto sanzioni contro il deputato della Duma (camera bassa del Parlamento) Adam Delimkhanov. E' sospettato di avere legami con il gruppo criminale "Bratsky Krug" ("Circolo fraterno"). Questa organizzazione comprende dirigenti e alti membri di diversi gruppi criminali eurasiatici situati nei Paesi dell'ex Unione Sovietica ma attivi in tutta Europa Medio Oriente Africa ed America Latina.
L'anno scorso per legami con il "Circolo fraterno" le autorità americane avevano imposto sanzioni al cantante russo Grigory Leps. A Washington erano convinti che il cantante per diversi anni fosse impegnato nel trasporto illegale di contanti per i capi della banda criminale.
USA sondaggio rivela Obama peggior presidente del dopoguerra. Gli americani credono che il presidente Barack Obama sia il peggior presidente dal dopoguerra. Questi risultati emergono da un sondaggio condotto dalla Quinnipiac University.
Il 33% degli intervistati ritiene che Obama sia il presidente americano più debole degli ultimi 70 anni. Al secondo posto con il 28% si trova il suo predecessore George W. Bush. Gli americani considerano il presidente più autorevole Ronald Reagan che ha guidato gli Stati Uniti per 2 mandati dal 1981 al 1989.
ordine esecutivo 11110 Unius REI